Filmati storici sulla pianificazione territoriale in Svizzera

L’inverno delle valanghe

27.01.1951

91 morti, numerosi edifici distrutti e interi villaggi sfigurati: questo il tragico bilancio dell’inverno delle valanghe del 1951. In risposta alla serie di calamità naturali, si adottano misure per proteggere la popolazione: innanzitutto boschi e opere di premunizione e poi, dal 1960, anche carte dei pericoli.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

Intemperie in Val Calanca

05.10.1951

Negli anni Cinquanta la vita nella Val Calanca è caratterizzata da povertà e duro lavoro. Le calamità naturali – tra cui anche i terremoti – che colpiscono la valle non fanno che peggiorare la situazione.

Collegamento all’archivio di Memobase

Il Ticino sott’acqua

23.11.1951

Lo scioglimento delle nevi dopo l’inverno di valanghe del 1951 causa forti inondazioni in Ticino e nei Grigioni. I danni a case e infrastrutture sono ingenti.

Collegamento all’archivio di Memobase

La città vecchia di Berna

12.03.1954

Il contributo del film è disponibile solo in tedesco e francese.

A guerra conclusa, la comodità inizia a prevalere sulla tradizione. Per dare spazio alle nuove costruzioni, alcune città, fra cui Berna, vogliono demolire il proprio centro storico.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

 

I provvedimenti contro le valanghe

15.10.1954

Dopo il tragico inverno del 1951, negli anni Cinquanta si inizia ad adottare misure di protezione contro le valanghe. A titolo preventivo si predispongono quindi boschi e opere di premunizione.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

Un’architettura che fa scuola

29.01.1960

L’entschatta dals onns 1960 vegn construì l’abitadi Halen en in cleragl datiers da la citad da Berna. Halen vegn erigì tenor ina moda da construcziun concentrada e concepì sco abitadi da famiglia communabel.

Collegamento all’archivio di Memobase

La speculazione fondiaria

08.12.1960

La forte crescita degli agglomerati urbani osservata nel secondo dopoguerra porta negli anni Sessanta a un surriscaldamento del mercato fondiario. Nel 1963 il PS e l’Unione sindacale svizzera lanciano un’iniziativa popolare contro la speculazione fondiaria (respinta nel 1967), mentre la legge federale sulla promozione dell’alloggio del 19 marzo 1965 attribuisce alla Confederazione tutta una serie di nuovi compiti, fra cui promuovere «un insediamento adeguato a lunga scadenza» del paese.

Collegamento all’archivio di RTS

 

Il Piano di Magadino

16.06.1961

Alla fine del XIX secolo in Ticino vengono svolte opere di bonifica per convogliare le acque, permettendo così al Piano di Magadino di trasformarsi da palude in zona agricola a sfruttamento intensivo. Nel 1974 viene istituita la riserva naturale delle Bolle di Magadino. Da allora l’urbanizzazione avanza inesorabile lungo tutto il Piano.

Collegamento all’archivio di Memobase

I grandi assi stradali

16.11.1961

La pianificazione delle strade nazionali risale alla seconda metà degli anni Cinquanta (1954-1959). Nel 1963 viene inaugurato il primo tratto autostradale, quello fra Losanna e Ginevra, costruito in vista dell’Esposizione nazionale del 1964 a Losanna: la Svizzera vuole infatti presentarsi agli occhi del mondo con un’infrastruttura viaria moderna.

Collegamento agli archivi dell’ RTS

La tutela del paesaggio

18.05.1962

Negli anni Sessanta i «gioielli del paesaggio svizzero» sono sempre più minacciati dalle mire di speculatori e imprenditori edili. Oltre a cercare misure per contenere l’impennata dei prezzi dei terreni, si sensibilizza la popolazione alla tutela del paesaggio, che va preservato per le generazioni future.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

Epidemia di tifo a Zermatt

05.04.1963

L’epidemia di tifo scoppiata nel 1963 a Zermatt era stata causata da una contaminazione dell’acqua potabile. La Svizzera decide così di vietare i progetti di costruzione se previsti al di fuori di un piano generale delle canalizzazioni.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

Meyrin: città satellite

19.07.1963

La necessitad da spazi d’abitar supplementar che exista en Svizra dapi la fin dals onns 1940 maina a novs concepts per edifizis d’abitadi: a Meyrin vegn erigida ina citad satellit.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

La costruzione delle strade nazionali

20.09.1963

La pianificazione delle strade nazionali in Svizzera si svolge dal 1954 al 1959, piuttosto tardi rispetto agli altri paesi. Nel 1964, giusto in tempo per l’Esposizione nazionale di Losanna, si inaugura il primo tratto della nuova rete autostradale.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

L’uomo e la pianificazione

04.10.1963

Il paesaggio costellato di tranquilli villaggi è ormai un lontano ricordo: ora a farla da padrone sono le città e le reti viarie, in costante espansione. Urge quindi una pianificazione del territorio, laddove ancora possibile. La Svizzera, infatti, è in ritardo rispetto ad altri paesi europei.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

La correzione delle acque del Giura

01.11.1963

Fra il 1962 e il 1973 si svolge la seconda correzione delle acque del Giura, un’opera di controllo idrico realizzata per evitare il ripetersi delle continue e pesanti inondazioni.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

La promozione dell’offerta abitativa

24.01.1964

La crisi dell’alloggio degli anni Sessanta è un tema molto sentito che dà un bel daffare anche agli esponenti politici. Nel 1965 viene infatti emanata la legge federale sulla promozione dell’alloggio. Inoltre, il delegato per la costruzione degli alloggi si impegna a favore di una pianificazione nazionale del territorio.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

A1 Losanna-Ginevra

01.05.1964

In occasione dell’Esposizione nazionale del 1964 viene inaugurato il tratto autostradale fra Losanna e Ginevra, un evento celebrato come «un grande giorno per la Svizzera motorizzata». Nel costruire la rete viaria nazionale, però, si dà ben poco peso alle ripercussioni che le nuove infrastrutture hanno sulle zone interessate. E se in alcuni luoghi si scatena una vera e propria «corsa all’oro», in altri si forma una viva opposizione contro il tracciato previsto, ad esempio a Faido.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

L’A9 en carton pâte

08.01.1965

La realizzazione della rete viaria nazionale avviene principalmente fra il 1965 e il 1975. I lavori di costruzione della nuova infrastruttura stradale comportano anche sfide di carattere estetico, considerati gli inevitabili interventi a livello di paesaggio.

Collegamento agli archivi dell’ RTS

L’avvento dei prefabbricati

24.09.1965

La crisi dell’alloggio degli anni Sessanta incentiva lo sviluppo di nuovi metodi di costruzione. Vengono messe a punto tecniche innovative con elementi prefabbricati in calcestruzzo per riuscire a costruire più appartamenti in meno tempo. Inizia anche a farsi strada la necessità di definire una pianificazione del territorio con l’obiettivo di regolamentare l’ubicazione dei nuovi alloggi.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

La costruzione della A2

28.10.1966

La morfologia del territorio dà parecchio filo da torcere agli ingegneri responsabili della realizzazione della rete viaria nazionale, che devono dare prova di grande abilità. La nuova opera deve infatti «inserirsi in modo armonioso nel paesaggio». La pianificazione ignora invece bellamente le ripercussioni delle autostrade sulla configurazione territoriale.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

Il centro commerciale di Spreitenbach

27.10.1967

Negli anni Sessanta il tentacolare sviluppo di Zurigo si spinge fino alle porte del comune di Spreitenbach, nella valle della Limmat. Il paesino si trasforma ben presto in una cittadina satellite, al punto che nel 1967 viene posta la prima pietra del primo centro commerciale della Svizzera, realizzato ispirandosi al modello americano.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

Il nuovo quartiere losannese del «Flon»

27.05.1968

Per smaltire il crescente traffico che attanaglia Losanna, si prevede di riconfigurare l’ex quartiere industriale del Flon, costruendo un impianto stradale su due livelli per il traffico di transito e il traffico cittadino. Il progetto tuttavia non viene realizzato: negli ultimi anni, infatti, il Flon si è trasformato in un nuovo, vibrante quartiere losannese.

Collegamento agli archivi dell’ RTS

Le Landeron

02.06.1968

Nel 1963 Shell acquista un terreno a Cressier (NE) per costruirvi, l’anno successivo, una grossa raffineria, messa poi in servizio nel 1966. Già in sede di pianificazione della rete viaria nazionale, fra il 1954 e il 1959, nell’area di Cressier era prevista una strada nazionale di terza classe. La prospettiva di una posizione di facile accesso agevola così l’insediamento di attività industriali nella zona fra il lago di Bienne e il lago di Neuchâtel, un tempo prevalentemente agricola.

Collegamento agli archivi dell’ RTS

 

Visita in Valle di Blenio

01.11.1968

La Valle di Blenio è un esempio lampante dei problemi che le regioni di montagna incontrano nel dopoguerra, in primis l’esodo dai villaggi rurali. La Svizzera cerca soluzioni per le aree di montagna, ad esempio con la ricomposizione particellare, per mantenere le coltivazioni nelle valli.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

La nuova autostrada Lamone-Melide

08.11.1968

Inizialmente la costruzione delle strade nazionali è interamente votata al progresso: la Svizzera vuole realizzare una nuova rete viaria lungimirante e all’avanguardia. All’epoca le ripercussioni sul paesaggio e sulla struttura degli insediamenti urbani sono l’ultimo dei suoi pensieri.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

Lo smaltimento dei rifiuti

13.06.1969

È dagli anni Cinquanta che i comuni svizzeri sono confrontati alle problematiche dell’approvvigionamento e dello smaltimento. L’aumento dei rifiuti urbani e delle acque reflue impone ingenti investimenti e una collaborazione fra comuni.

Collegamento agli archivi dell’ Memobase

La pianificazione del territorio svizzero

14.11.1969

Due settimane prima della diffusione di questo servizio, il 14 settembre 1969, viene approvato l’articolo costituzionale sulla pianificazione del territorio. Ecco perché nel corso del convegno dell’Associazione svizzera per la pianificazione del territorio (VLP-ASPAN) si cerca di rispondere alla domanda «In cosa consiste la pianificazione del territorio?». Il servizio fornisce inoltre uno scorcio sulla dinamica in atto all’epoca, contraddistinta da un’incipiente suburbanizzazione.

Collegamento agli archivi dell’ RTS

Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio

15.04.1971

Il contributo del film è disponibile solo in tedesco.

La Fondazione svizzera per la protezione del paesaggio è stata fondata nel 1970 da Pro Natura, Protezione del patrimonio svizzero, Associazione svizzera per la pianificazione nazionale, Club alpino svizzero e Associazione svizzera del turismo. Nel 1972 è stato adottato il decreto federale sulle misure urgenti nell’ambito della pianificazione del territorio, che impone la designazione di aree protette provvisorie

Collegamento agli archivi dell’ SRF

Restare o partire?

19.03.1972

In questo servizio del 1972 viene chiesto ai proprietari fondiari del comune vallesano di Savièse, situato nei pressi di Sion, se avevano venduto del terreno o se avevano intenzione di farlo, e per quale motivo. Si tratteggia così la situazione degli abitanti di un paesino di montagna posti di fronte a un dilemma: continuare a dedicarsi all’agricoltura o cercare nuove fonti di guadagno?

Collegamento agli archivi dell’ RTS

La crisi della città svizzera

08.05.1972

Il contributo del film è disponibile solo in tedesco.

All’inizio degli anni Sessanta si assiste a un forte esodo dalla città di Zurigo, che si protrae fino ai primi anni Novanta. Il risultato è un vero e proprio boom edilizio nei comuni limitrofi, specie in quelli del Limmattal e del Glattal.

Collegamento agli archivi dell’ SRF

Surlej

01.06.1972

Nel 1965 un consorzio edile propone di trasformare il paesino di Surlej nell’Alta Engadina in una cittadina di circa 25 000 abitanti. Il progetto viene respinto grazie all’opposizione organizzata dall’Associazione «Pro Surlej». Questa testimonianza di un engadinese è un estratto di un servizio più lungo.

Collegamento agli archivi dell’ RTS

La pianificazione regionale del Wiggertal

07.11.1972

Il contributo del film è disponibile solo in tedesco.

Questo servizio dedicato al Wiggertal spiega in cosa consistevano le pianificazioni regionali prima dell’introduzione della legge federale sulla pianificazione del territorio.

Collegamento agli archivi dell’ SRF

 

Una concentrazione decentrata

24.10.1974

Il contributo del film è disponibile solo in tedesco.

È negli anni Cinquanta che inizia a farsi strada l’idea di «concentrazione decentrata». Nel 1965 l’Istituto ORL del Politecnico di Zurigo viene incaricato di elaborare direttive di pianificazione del territorio svizzero, che vengono presentate l’anno seguente e confluiscono poi nella cosiddetta CK-73 (Conferenza dei quadri superiori della Confederazione).

Collegamento agli archivi dell’ SRF

Un villaggio diventa città

26.01.1975

Dopo la seconda guerra mondiale la pressione esercitata dagli insediamenti urbani aumenta notevolmente, trasformando molti piccoli villaggi in città satellite. Questo servizio presenta la situazione che precede l’entrata in vigore della legge federale sulla pianificazione del territorio.

Collegamento agli archivi dell’ RTS

A favore di una pianificazione comune

25.11.1975

Il contributo del film è disponibile solo in tedesco.

Nel suo discorso il consigliere federale Kurt Furgler si appella alla responsabilità di investitori privati ed enti pubblici, chiamati a collaborare nell’ambito della pianificazione del territorio.

Collegamento agli archivi dell’ SRF

 

Urge trovare la giusta misura

08.05.1976

Il contributo del film è disponibile solo in tedesco.

Il 13 giugno 1976 si tiene la votazione popolare sul primo disegno di legge federale sulla pianificazione del territorio. Il progetto è respinto.

Collegamento agli archivi dell’ SRF

 

La regione di Lavaux

06.06.1977

Questo servizio è mandato in onda una settimana prima della votazione sull’iniziativa popolare per la protezione della regione di Lavaux, promossa dall’ambientalista Franz Weber. Grazie all’esito favorevole dello scrutinio, dal 1977 il Lavaux è tutelato dalla Costituzione del Cantone di Vaud. Nel maggio 2007, inoltre, è stato inserito nel patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

Collegamento agli archivi dell’ RTS

Una versione migliorata

22.09.1977

Il contributo del film è disponibile solo in tedesco.

Nel 1976 il popolo respinge il primo disegno di legge federale sulla pianificazione del territorio. Il delegato per la pianificazione territoriale Marius Baschung spiega le differenze fra il primo disegno e i lavori avviati per formulare il secondo, successivamente entrato in vigore il 1° gennaio 1980.

Collegamento agli archivi dell’ SRF